reflessologia-plantare-cromopuntura-marta-simonetto-naturopata-reflessologia-plantare-cromopuntura-busto-arsizio-mozzate-2

 Metodo di cura naturale basato sui colori, per trattare vari problemi del nostro corpo e della nostra psiche.

E’ una forma estesa di agopuntura, utilizzando fasci di luce colorata al posto degli aghi. Nasce da una geniale intuizione del ricercatore tedesco Peter Mandel e si basa sugli studi della fisica quantistica e sugli studi del biofisico Fritz A.Popp, indicato al premio Nobel di Fisica.

Mediante alcuni macchinari è possibile isolare la lunghezza d’onda specifica dei differenti colori e indirizzarla su uno specifico punto del corpo, o più punti, attuando una stimolazione simile a quella che avviene con l’uso degli aghi in agopuntura.

E’ importante, però, tenere in mente che la Cromopuntura non è un trattamento sintomatico, cioè non cura il dolore come quando si ingerisce un antidolorifico, l’ansia con l’ansiolitico, o l’insonnia con un sonnifero, ma si propone di riequilibrare  il disagio energetico di base che ha prodotto il disturbo, agendo quindi su tutti i livelli della persona: fisico, mentale ed emozionale. Quindi, può agire anche su tutti quei disturbi funzionali che non sono diventati ancora una patologia riscontrabile dalle analisi cliniche, ma anticipano la malattia stessa, e nel frattempo fanno star male, magari per anni.

La tecnica è adatta a tutti, sia grandi che piccini, è priva di controindicazioni e non interagisce con terapie di altro genere.

Tra i più diffusi disturbi e problemi che possono essere trattati con la Cromoterapia vi sono: allergia, cefalea, coliche, stipsi, diarrea, dolore addominale, eczema ricorrente,  inappetenza, enuresi, affaticamento, febbre, infezioni ricorrenti, insicurezza, insonnia, malattie della pelle, mal di pancia emotivo, raffreddore, tic nervosi, disturbi comportamentali, difficoltà di concentrazione e problemi di apprendimento. Aiuta inoltre a favorire uno stato di naturale rilassamento in caso di stress e di affaticamento.

 

 

Create a website